SAN GIOVANNI, LA NOTTE DELLE STREGHE

Se a Torino dici San Giovanni ti rispondono subito "fuochi d'artificio" e "falò".

 Il 24 Giugno è infatti l'attesa data in cui nella città sabauda tutto si ferma, si scende in piazza e si fa festa.

Continuando, magari inconsapevolmente, una tradizione lunga migliaia di anni.

La festa avviene in concomitanza al rito pagano del solstizio d’estate. La notte più breve dell’anno quella del solstizio ma anche una notte considerata carica di energie. La terra passa dal predominio solare a quello lunare, dal buio alla luce.

corteo-storico

Il rito serviva per esorcizzare la paura del cambiamento, per attraversare quella che era considerata una notte carica di energie: sulle colline e sui monti si accendevano i fuochi per cacciare demoni e streghe e prevenire le malattie.

E' tipicamente piemontese la credenza che i falò di San Giovanni servissero per conservare i frutti della terra, assicurare buoni raccolti, proteggere da tuoni, grandine e malattie del bestiame.

Tra i riti propiziatori più curiosi di San Giovanni c'è quello di bruciare le vecchie erbe nei falò e raccoglierne di nuove per conoscere il futuro.

il-faro_original

Quello di comperare l'aglio per assicurarsi un anno propizio,  quello di raccogliere un ramo di felce a mezzanotte e conservarlo in casa per aumentare i propri guadagni.

 La notte del 23 giugno è anche il momento giusto per raccogliere le noci ancora immature e preparare il "nocino".

San Giovanni è patrono di Torino da tempi quasi immemorabili: già nel 602, ai tempi del duca Agilulfo, esisteva in città una chiesa a lui dedicata.

faro-san-giovanni

Torino, sin dal medioevo, si fermava in onore del patrono per due giorni: in quell'occasione cittadini e contadini delle campagne circostanti accorrevano per assistere alla tradizionale corsa dei buoi in Borgo Dora.

Il grande falò era acceso dal figlio più giovane del principe e rischiarava la piazza centrale la notte del 23 giugno.

Gli unici momenti veramente cristiani erano la processione dalla Cattedrale a Palazzo Civico con le reliquie del Santo e la benedizione che metteva fine ai giochi e alle gare della festa (XV-XVI sec).

2406_fuochi_8224

 La tradizione fu interrotta a metà ottocento e ripresa nel 1971 per iniziativa della Associassion Piemontèisa: oggi la festa è incanalata nella più innocua ritualità, con cortei storici in costume, offerta dei ceri in Duomo da parte degli sposi, dono della Carità (il pane benedetto condito con pepe e zafferano offerto alle autorità civili, militari e religiose) e il tradizionale grande Falò di auspicio.

lan212

Buona festa di San Giovanni a tutti!

Facebook Comments

comments

Google+ Comments

Racconti , ,
Angelo Marcinnò

Informazioni su Angelo Marcinnò

Amo il web e tutto quello che ci gira attorno, sa ascoltare ed è fin troppo curioso sempre pronto a scoprire nuove realtà. E' un perfetto casalingo o almeno ci prova e ama gli animali. Ha i piedi per terra ma allo stesso tempo è ambizioso e capace di raggiungere i propri obbiettivi. Pronto a superare qualsiasi problema con il sorriso e il suo spirito giovane e sbarazzino che lo porta a giocare a calcio o a girovagare alla scoperta della sua Torino.

Precedente La Reggia di Venaria: storia e curiosità Successivo Io speriamo che me la cavo!!!

Lascia un commento


*